Se pensate che basti che in Cina basti incontrarsi e innamorarsi per progettare un matrimonio, vi sbagliate. Il matrimonio qui è una cosa seria e guai a sposare la persona sbagliata.

Condividi con i tuoi amici!

People’s Square Park a Shangai è uno di quei tanti posti in Cina dove ci si incontra alla ricerca di un marito o una moglie. Camminando tra le centinaia di persone che lo affollano tutti i week end, si ha l’impressione di essere in un mercato. Di giovani, non se ne vede proprio. Sono i genitori o i nonni a venire qui in cerca del compagno ideale per i figli e nipoti. A rappresentare l’interessato/a pare bastino i cartelli che reggono o lasciano esposti su muretti, scale ed ombrelli. Riportano pochi dati: l’età, lo stipendio, l’altezza, il possesso o meno di una casa. Sono queste le caratteristiche che fanno di un cinese un buon partito: le qualità e il carattere sono secondari. Le donne invece devono essere belle, giovani e non divorziate o con figli a carico.

Innamorarsi in Cina

Quello dei matrimoni è un business che frutta ogni anno miliardi. Le agenzie matrimoniali e i siti d’incontri proliferano e alla giornata dell’anima gemella all’Expo di Shangai hanno partecipato 38 mila persone. L’imperativo, che viene anche dal governo, è di sposarsi e farlo presto. Considerando poi che trovare un buon matrimonio dopo i 26 anni è molto difficile (soprattutto per le donne) e che avere una relazione sentimentale durante le scuole superiori è un tabù assoluto, i cinesi hanno una finestra di pochi anni per accasarsi. Come se non bastasse la politica del figlio unico ha spinto molte famiglie ad abortire in caso di figlie femmine per cercare di avere un maschio.

Questo ha creato, ovviamente, un squilibrio tra i sessi: oggi in Cina ci sono più uomini che donne e la competizione è decisamente dura. Ciò nonostante sono molte le donne che restano senza marito. Vengono comunemente chiamate Shengu, “donne avanzate” e per il governo sono quasi una piaga sociale. Qualcuno le definisce anche il terzo sesso, ma la verità è che nelle Shengu non c’è nulla di repellente: semplicemente la maggior parte di loro è laureata o, peggio, dottoranda. Il numero di donne con un’educazione elevata e una buona carriera sta aumentando velocemente: oggi quasi la metà delle venti donne più ricche al mondo è cinese. Purtroppo il numero di uomini che desiderano sposare una donna più istruita e ricca di loro non cresce altrettanto velocemente. Nella sola Shangai pare che il 43% delle laureate tra i 25 e 34 anni sia single.


Condividi con i tuoi amici!