Condividi con i tuoi amici!

Se sei uno studente fuori sede saprai bene che il primo anno è sempre quello di assestamento –per non dire di festini ad oltranza. Soprattutto per chi arriva da un paesino con pochi abitanti, trasferirsi è riassunto tutto in una parola: ‘libertà’. I libri vengono così accantonati, e le materie invece che diminuire, aumentano: misteri della vita. Così, al terzo anno, ti ritrovi con delle materie in arretrato e l’ansia da pre fuori corso –per poi ritrovarti, ovviamente, fuori-corso l’anno dopo.

Se sei uno studente fuori corso (oltre che fuori sede) iscritto, come me, all’Università degli Studi di Palermo, saprai anche che, per punire la nullafacenza era stata emessa una delibera sulla decadenza dello status dello studente.
La delibera aveva introdotto delle vere e proprie ‘date di scadenza’, entro la quale gli studenti dovevano affrontare l’esame di laurea, per smaltire l’affluenza di studenti fuori corso che penalizzava i fondi dell’ateneo palermitano. Delibera che, dal primo agosto 2012, è stata sospesa.

Per smaltire l’esorbitante numero di studenti fuoricorso, erano anche state istituite delle agevolazioni. Agevolazioni che, nonostante la delibera sia stata ritirata, sono ancora in vigore.

Agevolazioni per i fuoricorso

Come riporta Rete Universitaria Mediterranea, tali agevolazioni, implementate dall’amministrazione Universitaria nel corso degli ultimi due anni riguardano: l’istituzione dei corsi di recupero, la creazione di tabelle di equipollenza per il trasferimento a un corso di laurea del “nuovissimo” ordinamento, e la stesura di un regolamento d’esami specifico per gli studenti dei corsi di laurea a esaurimento.

Corsi di recupero: come funzionano

Una delle agevolazioni che ha portato più benefici delle altre è stata, sicuramente, la delibera di facoltà per i corsi di recupero.

La delibera ha introdotto dei corsi di recupero per le materie che rallentano la carriera dello studente. Tali materie, dette materie ‘scoglio’, vengono scelte e approvate dal Senato Accademico.
I corsi prevedono, solitamente, dalle 30 alle 60 ore di lezione (che si terranno, a seconda della facoltà, nelle ore pomeridiane nei mesi di Ottobre-Novembre con un tutor specializzato nella materia), al termine delle quali sarà possibile effettuare l’esame con il docente tutor.
L’obiettivo è quello di dare una chance in più agli studenti che, per un motivo o per un altro, non sono riusciti a sostenere l’esame con il professore in cattedra, e che si trovano a dover affrontare delle materie che, per esempio, fanno parte di un vecchio manifesto degli studi.

In particolare, quest’anno, il 17 luglio il Senato Accademico ha approvato i corsi di recupero per l’anno accademico 2012-2013. Ogni facoltà ha quindi, attraverso il Consiglio di Facoltà, deliberato le materie per cui saranno attivati i corsi. E’ possibile sapere quali sono queste materie e come sono strutturati i corsi, attraverso il post sul sito Rum (Rete Universitaria Mediterranea): che illustra l’elenco di materie per facoltà, la durata dei corsi e i professori responsabili all’organizzazione dei corsi.

Iscrizione: chi, come e quando

Chi: possono aderire solo gli studenti fuori-corso che si sono iscritti negli anni accademici precedenti a quello 2007-2008 alla laurea triennale. I corsi, inoltre, hanno un numero massimo di iscritti: 150.
Ci sarà quindi una scala di priorità: gli studenti più ‘anziani’, avranno la precedenza sugli altri (dato che è possibile identificare tramite matricola). Avranno la precedenza, inoltre, gli studenti lavoratori, solo se è possibile dimostrare il loro stato di lavoratore.

Come: ogni facoltà ha un proprio sito ufficiale, e ogni sito ufficiale tiene informati gli studenti tramite dei post (post che, a volte, viene sommerso da tutti gli altri post, quindi: controlla per bene), che indirizzano lo studente ad una pagina creata appositamente per l’iscrizione. La facoltà di Ingegneria, per esempio, ha già provveduto.

Quando: il termine delle iscrizioni varia da facoltà a facoltà (dato che troverai nella delibera relativa alla tua facoltà). Ma, orientativamente, è possibile iscriversi entro fine Settembre.

Ogni studente, infine, può scegliere tre corsi tra i vari corsi disponibili. Quindi, vai sul sito della tua facoltà, controlla la scadenza, scegli le materie, iscriviti e… in bocca al lupo!


Condividi con i tuoi amici!