Premessa fondamentale: questo articolo vale per i lavoratori al primo impiego dopo l'università, gli stipendiati alle prime armi, insomma a tutti quelli che prendono meno di quanto già non si guadagni in tempi di crisi.

Pensavate che la vostra vita si sarebbe totalmente rivoluzionata. Ma vi siete mai soffermati su quante cose non sono cambiate rispetto al passato? Ecco 10 miti da sfatare per tutti gli studenti che non vedono l’ora di essere “fuori” e i neo impiegati con le loro mancate aspettative.

  1. Il disordine

    La tua stanza assomiglierà sempre e comunque ad un bunker talebano in cui è stata appena fatta brillare una bomba. Il letto mai rifatto (così non ci vanno gli acari, dice dall’alto della sua saggezza il mio coinquilino trentenne – vai al punto 9) la torre di vestiti sulla sedia, il sacco della roba sporca che emana un olezzo a mo di nuvolette dei cartoni giapponesi. La lavatrice è una volta alla settimana, non solo per risparmiare (sì, ancora, vai al punto 3) ma perché non c’è neppure il tempo di stenderla.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    © Lercio

  2. Il cibo

    Continuerai a mangiare male, se non peggio. Ho mangiato più pasta col tonno da lavoratrice che da studentessa: sua maestà la scatoletta resta la salvezza della tua fame incontrollabile quando arrivi a casa dopo una giornata estenuante e a malapena hai la forza di mettere l’acqua sul gas.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    improntaunika

  3. Le bollette

    Le bollette, forse, pesano meno, ma continuano ad arrivare quando non devono, tutte insieme come le peggiori disgrazie. Tendenzialmente a metà del mese, quando stai aspettando il nuovo stipendio e soprattutto vivi con gli ultimi spiccioli di quello precedente.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    Quotidiano.net

  4. Gli orari

    Ti svegli presto tutte le mattine, cosa che forse all’università potevi risparmiarti ogni tanto se la fortuna ti regalava lezioni pomeridiane. Tutt’al più potevi sentirti costretto ad assecondare i richiami dei libri che ti imploravano di aprirli, ma lavorare è proprio come andare a scuola, non c’è giustificazione.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    hardware-programmi.com

  5. Il tempo libero

    Non hai il tempo di fare davvero quello che vuoi. Forse leggi di più, perché la testa non è già usurata dai manuali, ma in fondo se prima dovevi preparare l’esame ora stai almeno 8 ore in ufficio, con quello che ti resta fai sport, ti vai a svagare o guardi il soffitto. Perciò è una stronzata pensare “prendo questo lavoro, ma il mio progetto è fare altro e non lo accantono” come “studio matematica, ma poi dipingerò la nuova Monnalisa”

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    tuscanyontheroad

  6. Le vacanze

    Non puoi andartene in vacanza quando ti pare. E se all’università studiavi anche durante le pause del semestre, se lavori te lo sogni di avere 15 giorni a Natale, 7 a Pasqua e un mese e più per l’estate.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    veratour

  7. I drink

    Se sei stato uno studente modello, non bevevi durante il weekend. Se lavori, concederti una sbronza durante la settimana diventa praticamente impossibile. Se non sei mai stato uno studente modello, smaltivi il tuo hangover stravaccato sul banco. Ergo non sarai un lavoratore modello, perciò farai la stessa identica cosa sulla scrivania.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    linkcuriosi.it

  8. I soldi

    “Ora posso comprarmi tutto quello che voglio” pensavi. Ma anche no! Lo stipendio, come tutte le cose di questa vita infame, ha un inizio e una fine. Quindi se le sessioni di shopping si moltiplicano senza ritegno, torniamo al punto 3, non ti paghi le bollette.

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    phillymag

  9. I coinquilini

    Ragion per cui sarai ancora molto probabilmente costretto a condividere l’appartamento con altre persone. Essere un lavoratore, quindi, non significa farla finita coi coinquilini, con tutto il bene e tutto il male che ne consegue (dai due etti di pasta cucinati nel momento più opportuno ai rotoli di carta igienica che mancano quando non devono)

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    Kataweb

  10. La famiglia

    Per tutte le motivazioni di cui sopra… Ti manca tua madre. Specie per la 1 e la 2!

    Le 10 cose che non cambiano fra studenti e lavoratori

    thesparklingmommy