Sapete a cosa mi riferisco, ci siamo passati tutti in quel momento in cui ti senti vuoto e non trovi il modo di scrollarti di dosso quella negatività che ti fa sentire anche più pesante del solito alzarsi al mattino. Penso che almeno una volta ci siamo sentiti tutti così. Che sia stato dopo l’ennesimo corso che ti fa domandare se quella non sia la facoltà sbagliata, la sera al ritorno da un lavoro che non ci soddisfa o semplicemente una domenica pomeriggio mentre stavamo soli stesi nel divano a far nulla. Per questo quando capita di sentirsi un po’ così è sempre meglio ricordarsi qualche buon consiglio per non farsi buttare troppo giù (ci siamo liberamente ispirati a questo articolo del blog “Vivir al maximo” )

  1. Datti un obiettivo

    Pensate a quando eravate felici o spensierati e vedrete che ogni volta c’era un motivo, un desiderio, una persona, un progetto che vi impegnavano e rendevano positivi.
    Se in questo momento non va più tanto bene forse è ora di darci un nuovo obiettivo da raggiungere che possa servire da spinta iniziale per sentirci come prima e farci alzare il culo da quel divano impregnato di malinconia la domenica pomeriggio.
    Non parlo di pigrizia soltanto, ma anche di insoddisfazione e negatività. Per quanto possiate essere ostili verso il mondo ed il genere umano (paragonabile ad una ragazza con sindrome premestruale durante la sessione estiva) riuscirete a trovare qualcosa che vi piacerebbe fare o che apprezzate. Scoprirete che lavorare tutte le settimane per un obiettivo dà una sorta di direzione alle giornate e questo vi renderà un po’ più felici. Quando già la sveglia ci fa odiare ogni mattina doverci alzare dal letto, avere almeno una buona razione per farlo può aiutare.
    Quindi ponetevi una meta! Che sia importante per voi, che vi appassioni, che sia difficile (ma non troppo) e che abbia un fine stabilito. Però poi non fate come la dieta che inizia il lunedì: non lasciate che sia solo un buon proposito! Datevi anche un tempo se possibile, vi spronerà.

  2. Segui il cuore

    Si lo so, sembra una delle solite frasi che potrebbero essere in un film della domenica sera con colonna sonora dal romanticismo struggente, ma non è solo un verso formulare da industria cinematografica. Capita in certi periodi che ci sa un’idea che continua a frullarci in testa ma che cerchiamo insistentemente di far dissolvere che ci sembra assurda. Vi siete già chiesti perché dovrebbe essere per forza sbagliata se continua a tornare? Beh provate ad ascoltarla! La prossima volta che avrete un’idea persistente cercate di metterla in pratica. Così per lo meno scoprirete se realizzarla vi ha reso più felici o meno. Se non lo ha fatto ve la sarete comunque tolta dalla testa.

  3. Trova (o crea) un lavoro

    Oggi è dura, davvero dura. Ma questo non significa che il fatto di non avere un lavoro debba contribuire a renderci sempre più tristi o negativi. Provateci e continuate a farlo. Cercate di documentarvi e di trovare il modo migliore per presentare voi stessi. Nel mondo della concorrenzialità e della crisi la cura della self reputation è essenziale.
    Ma anche se avete un lavoro che comunque non vi soddisfa perché sognate altro, non abbiate paura. Potete sempre cercare di meglio. L’importante è rimanere coi piedi per terra mentre progettate il prossimo passo verso ciò che vi renderà un po’ più felici di voi stessi.
    Il mondo è pieno di persone che lasciano lavori fantastici perché non si sentono pienamente soddisfatte. Certo non è facile, ma se sogni di creare qualcosa ed hai un’idea che pensi potrebbe davvero funzionare allora pensa a come potresti realizzarla. Una volta che avrai le spalle coperte, qualche soldo da parte ed un piano preciso sarà più facile realizzare quel progetto a cui pensi da anni ogni sera prima di addormentarti. Se il tuo lavoro è ancora quello dello studente puoi considerarti parzialmente in salvo dal dilemma, ma non significa che è troppo presto per pensarci.

  4. Segui i tuoi valori

    Se di essere felici si sta parlando allora non si può non parlare di questo. Sicuramente ci saranno molti modi per cercare di avvicinarsi a quelli che sono i propri obiettivi ma dobbiamo anche ricordarci che tipo di persone siamo. Questo significa, tra le altre cose, tenere ben presenti i propri valori ed il rispetto verso se stessi e gli altri. Come vedremo dopo, dormire è importante e questo sicuramente aiuta a dormire bene.
    7 buone abitudini che ti renderanno più felice

  5. Accetta la realtà

    Molto spesso quando siamo frustrati o infelici è perché i problemi ce li creiamo. Vediamo tutto negativo e non ci va bene nulla, forse un motivo c’è.
    Avete mai provato a fermarvi un attimo, aprire gli occhi e guardare davvero il mondo per quello che è e voi stessi per quello che siete? Sembra banale ma continuare a non accettare le cose per quello che sono e volerle sempre cambiare non sempre aiuta.

  6. Meno online e più connessi

    A volte ci capita di sentirci male dopo aver interrotto qualche lunga relazione, o cambiato posto e di conseguenza aver staccato un po’ con tutte le persone care che ci erano vicine. Siamo come disconnessi dalle familiari e tranquillizzanti relazioni con le persone a cui volevamo o vogliamo più bene.
    La soluzione è riconnettersi, usare un po’ meno il wifi e un po’ più le connessioni umane, reinstallarne di nuove, ricominciare. Conosci nuove persone, circondati degli amici o delle persone che ti va di avere davvero vicino e anche, non da meno, riconnettiti un po’ con te stesso e con quello che ami. Anche una semplice passeggiata in solitaria o una birra in un bar può farti uscire dai soliti luoghi che ti sembrano sterili e poco stimolanti.

  7. Prenditi cure di te

    Non è lo spot della Garnier. Per aiutarvi a capire perché anche questo sia importante vi faccio un paragone. Quando state davvero male e vi sentite vuoti come state? Un po’ come in un post-sbronza. Solo che qui non dovrete aspettare il giorno dopo per iniziare a sentirvi meglio. Niente aspirina e spremuta d’arancia, si tratta solo di imporsi un minimo di regolarità senza rinunciare al divertimento. Le 3 regole base sono mangiare bene, fare un minimo di esercizio e dormire a sufficienza. Non è impossibile, se ci sono riuscita io può riuscirci chiunque! E vi giuro che l’altro giorno dopo essermi fatta una corsetta ero davvero soddisfatta. Insomma, basta poco! Basta cominciare.

7 buone abitudini che ti renderanno più felice

Foto di: RIL, rama miguel e PixelAnarchy