Se siamo sempre in prima fila quando c’è da mettersi ai fornelli per sfoderare tutta la nostra creatività, ci diamo invece alla latitanza quando c’è da lavare i piatti. Inutile nasconderlo, quanto è noioso? Perché ci sono sempre diecimila pezzi tra posate, pentole, piatti e bicchieri anche se abbiamo cucinato per una persona? L’unica cosa da fare, purtroppo, è rassegnarsi, armarsi di spugnetta, bandana e detersivo, e dare inizio alla battaglia quotidiana contro lo sporco.

Visto che l’unione fa la forza, ti passo qualche trucchetto in materia appreso in questi anni fuori sede. Non ti cambieranno la vita ma ti aiuteranno a lavare tutto in meno tempo e con meno fatica!

  1. Acqua calda o acqua fredda?

    Lavare i piatti con acqua calda
    Ebbene sì, ci vuole l’acqua (non te l’aspettavi eh?!), ma il primo grande dubbio amletico che ci assale quando ci mettiamo davanti il lavabo è: calda o fredda? Partiamo col fatto che sempre acqua è (!), nonostante questo però con l’acqua calda è più facile sgrassare e togliere lo sporco. C’è un solo problema: l’acqua calda impregna i piatti con l’odore dei cibi. Quindi se hai cucinato -e spero mangiato- qualcosa come uova, carni bianche o pesce (che solitamente sono gli alimenti più puzzolenti) assicurati di lavarli con acqua fredda se non vuoi che la cucina sia invasa da puzza di beccume freschin (unici termini linguistici, ma dialettali, per indicare questo tipo di puzza).

  2. Usa le mani!
    Lavare i piatti a mano

    Lo so, a volte fa anche un po’ schifo. Non lasciarti impressionare! Uno dei metodi migliori per togliere lo sporco senza faticare troppo è proprio quello di “pretrattare” sfregando delicatamente le mani sulle superfici da pulire. In questo modo lo sporco più grosso verrà via e ti basterà dare una passata di spugnetta per farli brillare.

  3. Più detersivo non vuol dire piatti più puliti
    Lavare i piatti con detersivo

    Sembrerà una cavolata ma è sempre meglio non sopravvalutare nessuno: mettere due litri di detersivo sulla spugnetta ogni volta che la si sciacqua non vuol dire pulire meglio i piatti. Vi farà solo sprecare tanto, ma tanto, detersivo. La quantità di sapone che utilizzi non è direttamente proporzionale alla brillantezza! Se il detersivo è buono ne basta anche solo una goccia, tutto il resto sta alla tua bravura e alla tua pazienza!

  4. Dal più pulito al più sporco
    Lavare le cose più sporche dopo

    Inizia sempre a lavare i piatti da quelli più puliti (generalmente posate e bicchieri) a quelli più sporchi. In questo modo eviterai di portare l’unto delle padelle in tutto il resto delle stoviglie, risparmiando almeno il 50% del tempo!

  5. Non rimandare…
    Montagna di piatti

    …a domani (o a dopodomani, o a chissà quando) le cose che puoi lavare subito!!! Noi studenti abbiamo purtroppo una bruttissima fama… non c’è una nostra descrizione che non si rispetti che non tratti delle montagne di piatti da lavare lasciate marcire sul lavandino. Perché lo facciamo? Per noia, forse. Ma non è più noioso dover lavare poi tutto in una volta? Quanto tempo perdiamo? Impara a lavare tutto subito, anche solo un piatto. I tuoi coinquilini ringrazieranno.

Hai altri piccoli trucchi che possono aiutarci a lavare i piatti più facilmente? Lascia un commento e raccontaci come fai tu! Mi raccomando… non fare come il tipo del video qui sotto!

[youtube id=”xoUjFwSaInY” width=”620″ height=”360″]